Il genere maschio e l’editoria proibita: ovvero come acquistare i preservativi.


Che stamattina fosse giornata di meditazione l’ho intuito dal fatto che volendo rinnovare la mia patente, mi ero recata di buon mattino alla scuola guida. Ma il mio karma non era affatto positivo pertanto, trovando chiuso, me ne tornavo dopo meno di un’ora con le pive nel sacco. Questo però non mi impediva di compiere uno dei miei riti quotidiani: la sosta all’edicola. Ebbene sì, perché io, famelica content, surfista del web, masticatrice di social user, sono un’innamorata della carta, financo della carta igienica. In realtà mi dovevo fermare anche perché il tabaccaio mi doveva una marca da bollo, ma è secondaria importanza. Mentre attendevo il vecchietto mi accorgo che alle mie spalle sta un giovanotto. Costui, appena si rende conto della mia presenza, posa goffamente la rivista che ha in mano e afferra al volo un numero di Cose di Casa occhennesò.  Mi allontano di qualche passo, e il ragazzo tenta di riprendere il suo giornale ma… appena ritorno per prendere il resto eccolo che lo vedo seppellire ancora il suo cartaceo fra ” Gente In” e ” GuidaCucina” e arrossire come un peperone gratinato. Esco, prima che al poverino prenda un colpo e sia costretto ad acquistare un Cioè, e medito  sul fatto che nonostante ci sia tanta liberalizzazione dei costumi, un uomo cerchi di nascondere le sue letture sconce  in un’edicola manco  fossimo ai tempi della Santa Inquisizione. Un po’ come quando da adolescenti si va nella farmacia più lontana del paese per comprare i preservativi, sperando di non incrociare nessuno. Oppure si manda l’amico. (Che poi l’amico rischia pure lui eh! ). Insomma, la vergogna è proprio una brutta bestia! Ed è la stessa vergogna che porta noi donne a nascondere la cellulite, ad urlare ” non aprire quella porta!” al tuo ragazzo quando sei coi bigodini in testa e la maschera al cetriolo. La vergogna: questa leva orribile che ci spinge a diete fameliche perché noi, alla prova costume con la panzetta, non ci vogliamo arrivare! Quella che ci fa balbettare davanti a uno/una che ci piace. Che ci rende un budino tremolino quando dobbiamo parlare in pubblico.

Soluzioni? Fregarsene. Prendetevi quello che volete, leggete quello che vi pare. Comprate i vostri preservativi. Vivete senza vergogna. 

Ma forse detta così suona leggermente Hippy.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a Il genere maschio e l’editoria proibita: ovvero come acquistare i preservativi.

  1. icittadiniprimaditutto ha detto:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  2. samantagiambarresi ha detto:

    E’ vero: in una società dove il sesso è l’argomento principale, vi sono ancora dei tabù. Però credo che da una parte sia una cosa buona… anche se più che essere pudici e finto buonismo.

  3. ilgattosyl ha detto:

    in un momento di slancio disinibito potrei unire le due cose: comprare dei preservativi e leggerne le istruzioni per l’uso 😉

  4. beatricemargherita ha detto:

    Parole sante. E per un volta: evviva la panzetta, i preservativi, le figuracce… insomma, le cose che danno un po’ di sale alla vita 🙂
    Ps. davvero un bel blog, mi piace tantissimo quello che scrivi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...